«L’umidità di risalita» descrive il movimento dell’umidità sotto forma di acqua dal basso verso l’alto, attraverso i materiali da costruzione permeabili, quali mattoni, cemento e intonaci non specifici. L’umidità sale mediante azione capillare, poiché qualsiasi tipo di muratura presenta delle microscopiche cavità al suo interno, attraverso le quali minuscole gocce d’acqua risalgono espellendo l’aria.

Naturalmente è un grosso problema per i materiali, per l’estetica dell’immobile e per la salute delle persone.

L’umidità scioglie i sali solubili dei materiali da costruzione come il solfato di calcio e può anche trasportare sali solubili dalla sua fonte.

Quando l’umidità evapora attraverso una superficie permeabile, questi sali si depositano e formano stratificazioni sulla superficie evaporativa e/o all’interno di essa. In presenza di una grande superficie di evaporazione i cristalli di sale si depositano apparentemente come una polvere innocua, se l’evaporazione è limitata a zone localizzate o è imponente, allora la deposizione di sale è concentrata, formando grossi depositi cristallini con la comparsa di fioriture da qui il termine “efflorescenza”.

Quando l’evaporazione avviene all’interno dei materiali, i cristalli in espansione possono provocare fratture, scheggiature e rigonfiamenti.

Questo tipo di decadimento si verifica in mattoni porosi, muratura e intonaci.

L’evaporazione marginale, determina una marchiatura “ad onda”, distintiva della deposizione di sali.
Quando si verifica alla base di un muro, il segno ad onda viene considerato come tipica caratteristica diagnostica dell’umidità di risalita.

Questi accumuli di sale possono rimanere anche quando la penetrazione dell’acqua che li ha originariamente causati è scomparsa da tempo.
La penetrazione dell’acqua potrebbe essersi verificata da cause diverse dall’umidità di risalita.

Si tratta di umidità di risalita certa se il degrado della muratura è in continua crescita ed espansione.

La fonte più comune di umidità nella base delle pareti degli edifici è causata da fondazioni non impermeabilizzate e/o inadeguato drenaggio.

Questo problema è presente in misura rilevante in moltissimi edifici, a causa di una combinazione di fattori quali variazioni delle falde acquifere, difetti nei sistemi di drenaggio fin dalla costruzione o determinati da assestamenti dell’edificio, l’aumento dell’uso di calcestruzzo o finiture intorno agli edifici senza considerare adeguatamente le pendenze.

L’accumulo di acqua vicino alle fondazioni può sorgere anche come risultato di fughe idrauliche o allagamenti temporanei o cronici.

L’utilizzo di Humistem risolve e previene i danni derivanti da queste circostanze con costi decisamente inferiori ad altre soluzioni, sia per i tempi di lavorazione, notevolmente ridotti, che per il basso spessore di posa, inoltre viene utilizzato sotto forma di rasante, un tipo di applicazione che ogni professionista dell’edilizia conosce, non vi è quindi necessità di particolari specializzazioni per la posa.

Troppo spesso viene sottovalutata la seguente regola:

le condizioni di umidità delle pareti possono essere notevolmente aumentate dalla condensa.

Ciò si verifica quando l’aria calda e carica di umidità si raffredda fino al punto di rugiada (la temperatura alla quale l’umidità si condensa in minuscole gocce) contro una superficie fredda.

Tali superfici fredde si verificano comunemente quando il valore di isolamento della parete esterna viene ridotto dalla penetrazione di acqua, oppure quando un «Cappotto Termico» non è stato eseguito a regola d’arte e si verificano «Ponti Termici» che tendono a creare punti nella muratura più freddi di quelli circostanti.

Inoltre l‘uso intermittente del riscaldamento fornisce le condizioni per la condensazione di ulteriore acqua su queste superfici fredde e umide, in particolare nelle stanze al piano terreno, nel sottosuolo, negli angoli, nelle pareti esposte a nord.

Questi fenomeni possono sommarsi all’umidità di risalita o di spinta esterna, aggravando ulteriormente il problema.

Anche basse concentrazioni di sali igroscopici, apparentemente poco importanti e visibili, possono assorbire l’umidità dall’aria, specialmente con l’umiltà relativa alta.

In una stanza che a volte non è occupata, con livelli di umidità relativa fluttuanti, ciò può comportare l’apparizione di salgemma sulla superficie (“efflorescenza ciclica e deliquescenza”), con conseguenti danni ai materiali superficiali, creando così le condizioni per un aumento progressivo di umidità.

Naturalmente con il tempo il danno aumenterà, il comfort abitativo peggiorerà ed i costi di ripristino saliranno.

Umidità e conducibilità termica, una relazione pericolosa.
All’aumento della umidità nei muri corrisponde sempre un innalzamento della conducibilità
ed un peggioramento delle caratteristiche termiche della muratura.

All’aumento dell’umidità nei muri corrisponde sempre un innalzamento della conducibilità termica e un peggioramento delle caratteristiche termiche della muratura stessa, quindi aumentano i consumi di energia per riscaldamento. Peggiora notevolmente il comfort e la salubrità all’interno della casa.

Non c’è umidità che possa resistere alla nostra tecnologia

LA SOLUZIONE DEFINITIVA AL PROBLEMA DELL’UMIDITA’ NELLE MURATURE.

HUMISTEM è un rasante Fibro-rinforzato di colore bianco, inorganico ed inodore, formulato per il risanamento, la deumidificazione e/o l’impermeabilizzazione di superfici murali, contro terra o di contenimento.

Si utilizza sia sugli interni che sugli esterni, per umidità di risalita e/o in spinta idrostatica, sia positiva che negativa.

Risulta particolarmente performante in caso di umidità di risalita capillare, di infiltrazioni e trasudamenti.

Non permette la formazione di muffe e condense.

Si tratta di un ciclo innovativo che contiene anche Cariche Nanotecnologiche.

Il principio di funzionamento è semplice da spiegare: grazie ad un grado di evaporazione perfettamente calibrato, l’umidità non cristallizza all’interno della muratura. L’evaporazione così calibrata rientra nei parametri ottimali di salubrità ambientale e durabilità dei supporti murari. Questo garantisce risultati immediatamente tangibili, il basso spessore che caratterizza questo ciclo risanante permette l’intervento su supporti di ogni tipo senza modificare gli ingombri dei cicli di finitura.

Contiene un mix tecnologico di additivi che ne migliorano l’adesività e la resistenza nel tempo.

Si presenta con consistenza atta esclusivamente allo spatolamento, non si posa a pennello o rullo,la preparazione nell’apposito secchio pronto all’uso e la posa sono particolarmente semplici, pulite e necessitano di pochissimo tempo di preparazione e ultimazione, migliorando la soddisfazione del cliente ed i tempi dell’operatore.

L’impermeabilizzazione di piscine, cisterne, serbatoi ecc. è sempre consigliabile se non indispensabile, HUMISTEM è la soluzione.

Se è possibile impermeabilizzare dal lato a contatto con l’acqua (preferibile se possibile), si effettua una impermeabilizzazione in spinta POSITIVA, al contrario se l’impermeabilizzazione viene effettuata dal lato opposto a quello direttamente a contatto con l’acqua, si pratica una impermeabilizzazione in spinta NEGATIVA.

Esempio tipico di impermeabilizzazione Negativa è la posa sulla faccia interna di un muro contro terra di uno scantinato.

HUMISTEM risolve le problematiche di terrazzi, garage, cantine, sottoscala, sottotetti, piscine, cisterne, serbatoi, tini, fognature, impianti di raccolta o depurazione acqua, sia a vista (le sue granulometrie di 0,6 o 0,2 mm. lo equiparano ad un intonaco fine molto gradevole esteticamente), sia sotto le mattonelle o altri tipi di finiture, di pavimenti e pareti.

La Componente Nanotecnologica a base di Silicio e Ceramica lo rende efficace ed estremamente resistente, quindi anche un ottimo supporto alle colle edili.

In pratica ovunque sia possibile utilizzare un materiale cementizio è possibile utilizzare HUMISTEM.

I VANTAGGI DI HUMISTEM

  • Non si deve necessariamente rifare l’intonaco, se questo è coeso e solido.

  • Niente macerie da smaltire.

  • Niente tempi lunghi di asciugatura.

  • Tempi molto rapidi di lavorazione e posa.

  • Facile da posare, funzione anti-ritiro.

  • Resistente ed elastico, con rete di rinforzo.

  • Duraturo nel tempo, 10 anni di garanzia.

  • Eccellente prestazioni sia per risalita che per spinta negativa/positiva.

  • Pronto all’uso con pratico secchio per miscelazione, niente polvere, sacchi e sporco.

LA SOLUZIONE DEFINITIVA AL PROBLEMA DELL’UMIDITA’ DI RISALITA.

HUMISTEM: SPINTA POSITIVA

Su costruzione nuova o se è possibile scavare, è meglio proteggere anche la fondazione.

HUMISTEM: SPINTA NEGATIVA

Lavorando dall’interno sulle costruzioni esistenti eliminare con attenzione tutto l’intonaco ammalorato.
Se l’umidità filtra anche dal pavimento coprire la fondazione e/o tutta la pavimentazione.

Dimensione EcoCasa ha seguito molti corsi di formazione e utilizza le migliori tecniche di risanamento, soprattutto prima di posare un cappotto termico che indiscutibilmente sarebbe danneggiato da questo assillante problema. In moltissimi cantieri abbiamo riscontrato che l’abbinamento delle soluzioni tradizionali abbinate ai sistemi di isolamento termico in nanotecnologia di Manti Ceramic, in particolar modo il termo-rivestimento a media densità a contribuito in grande scala alla risoluzione definitiva.

DIMENSIONE ECOCASA PARTECIPA ATTIVAMENTE AI CORSI FORMATIVI ED E’ COSTANTEMENTE AGGIORNATA SULLE MIGLIORI TECNOLOGIE PER LA SOLUZIONE DI PROBLEMI LEGATI ALL’UMIDITA’ DI RISALITA.

Richiedi le informazioni che ti servono, un tecnico specializzato ti contatterà.

Questo modulo di contatto è disattivato perché l’utente ha rifiutato di accettare il servizio Google reCaptcha, necessario per convalidare i messaggi inviati dal modulo.